Se potessi scegliere?

E se un giorno ti svegliassi e fossi tu il Sindaco, e potessi realmente scegliere.  Che cosa cambieresti?  E come arrederesti il luogo in cui vivi?

beret

COME LI VORRESTI I MARCIAPIEDI?

E’ normale che ciò che ci circonda, in qualunque modo sia fatto, ci appaia “normale”.

E’ una caratteristica della realtà, quella di apparirci necessaria, e indispensabile, così com è, così come siamo abituati a vederla.

Oppure è la grande capacità di adattamento dell’uomo a farci sentire le cose in questo modo.

Questa premessa è indispensabile, nel momento in cui parliamo degli spazi urbani in cui ci spostiamo a piedi.

Sono i marciapiedi gli spazi dei percorsi dei pedoni.  Significa che chi ama sostarsi a piedi deve farlo in linea di massima in fila indiana.

Ok.  Personalmente ritendo che  i marciapiedi, per essere realmente funzionali, e incentivare i cittadini ad utilizzarli, dovrebbero essere sempre larghi almeno 2 metri.  Sei d’accordo?

COME CAMBIERESTI LE AREE VERDI?

Le aree verdi pubbliche in alcuni casi sono il risultato di un obbligo di legge: tutte le nuove lottizzazioni dal 1968 hanno dovuto essere realizzate prevedendo di riservare 9 mq per abitante a verde.  Si chiamano standard urbanistici.

Poi non è sempre così, perchè negli anni successivi hanno consentito al costruttore di “monetizzare” questi standard, pagandoli all’Amministrazione.

Ad ogni modo, fortunatamente, in molte zone del paese negli ultimi 40 anni sono state realizzate un certo numero di aree verdi.

Certo, dire aree verdi non è sufficiente: perchè se quel verde non è non solo manutentato, ma soprattutto arredato con alberi, panchine, giochi, e magari acqua come avviene spesso in altri paesi, quel verde serve soprattutto alle zanzare, e magari pure a qualche biscia.

Ora, la domanda riguarda le tue aree verdi pubbliche, quelle del luogo in cui abiti.

Non consideriamo qui i problemi della cattiva manutenzione ordinaria.

Come le vorresti?  Come le cambieresti?

Scegli una risposta.

16-04-20 logo vettoriale FINALE

Post condiviso da Manuel Gazzola di Corti Urbane