Roma, il Grab delle bici tra le opere per il Giubileo

Il Grande raccordo anulare delle bici, o Grab come è conosciuto dagli amanti della pedalata, è un sogno che presto potrebbe diventare realtà, insieme a quello di un’Appia Antica pedonale. Il progetto è stato infatti inserito dal Comune di Roma tra le opere del giubileo. L’avvio dei lavori è previsto per l’estate. Soddisfatta Legambiente per il successo del progetto di ciclovia urbana all’interno di Roma e per la concreta possibilità, dopo decenni di battaglie ambientaliste, di una linea continua libera dalle auto che va dal Colosseo all’Appia Antica.

Il progetto del Grab prevede la chiusura al traffico di attraversamento dell’Appia Antica e la trasformazione di questa arteria di 2300 anni fa in un’area a priorità ciclopedonale dove i (pochi) veicoli ammessi a circolare dovranno dare la precedenza a chi cammina e a chi pedala. L’altro grande cambiamento sollecitato dal Grab è la creazione di un’isola pedonale ai piedi del Palatino.

grab

Il Grande raccordo anulare delle bici, o Grab come è conosciuto dagli amanti della pedalata, è un sogno che presto potrebbe diventare realtà, insieme a quello di un’Appia Antica pedonale. Il progetto è stato infatti inserito dal Comune di Roma tra le opere del giubileo. L’avvio dei lavori è previsto per l’estate. Soddisfatta Legambiente per il successo del progetto di ciclovia urbana all’interno di Roma e per la concreta possibilità, dopo decenni di battaglie ambientaliste, di una linea continua libera dalle auto che va dal Colosseo all’Appia Antica.

url2Il progetto del Grab prevede la chiusura al traffico di attraversamento dell’Appia Antica e la trasformazione di questa arteria di 2300 anni fa in un’area a priorità ciclopedonale dove i (pochi) veicoli ammessi a circolare dovranno dare la precedenza a chi cammina e a chi pedala. L’altro grande cambiamento sollecitato dal Grab è la creazione di un’isola pedonale ai piedi del Palatino.

Complessivamente, il Grab – ideato da VeloLove in collaborazione con la stessa Legambiente, il Touring Club e diverse altre realtà – è un anello di oltre 44 chilometri, si snoda principalmente lungo vie pedonali e ciclabili, parchi, aree verdi e argini fluviali (31,9 km, pari al 72,2% del tracciato).

GRABIKE-680x365_c“Il primo effetto della sua realizzazione – sottolinea Legambiente – sarà quello di far finalmente spuntare la straordinaria spina verde che già negli anni Settanta era al centro delle battaglie di Antonio Cederna, Leonardo Benevolo, Giulio Carlo Argan: la trasformazione, per dirla con le parole di Cederna, di tutta la zona monumentale che va dall’Appia Antica e, attraverso la via di S. Gregorio, Colosseo, Foro Romano e Fori Imperiali, arriva praticamente alle soglie di Piazza Venezia

16-04-20 logo vettoriale FINALE

Post condiviso da Manuel Gazzola di Corti Urbane